“III Seminario divulgativo e di aggiornamento del progetto “Innovazioni di Processo e di prodotto nel comparto dei Vini Spumanti da vitigni autoctoni Pugliesi – IProViSP”

“III Seminario divulgativo e di aggiornamento del progetto “Innovazioni di Processo e di prodotto nel comparto dei Vini Spumanti da vitigni autoctoni Pugliesi – IProViSP”

Il Sinagri S.r.l. Spin Off dell’Università degli Studi di Bari e la Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella, la Cantina Agricole Alberto Longo Soc. Agr. arl, la Cantina Grifo di Ruvo di Puglia , in collaborazione con il Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia”, il Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari Unità di Lecce, il Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente dell’Università degli Studi di Foggia, organizzano a Torricella il 6 luglio p.v. un incontro dal titolo “III Seminario divulgativo e di aggiornamento del progetto “Innovazioni di Processo e di prodotto nel comparto dei Vini Spumanti da vitigni autoctoni Pugliesi – IProViSP”.

Obiettivi del seminario saranno la presentazione e la divulgazione delle innovazioni tecniche del progetto agli esperti dei settori agricolo e della trasformazione enologica, tuttavia il trasferimento delle conoscenze e la comunicazione saranno diretti anche a consumatori e policy maker, enologi, enotecnici, imprenditori, cantine, studenti ed altri operatori della filiera.

Verrà illustrato il calendario dei seminari e del convegno finale sul territorio pugliese per presentare ogni fase del progetto in modo da garantire un utilizzo rapido e vantaggioso dei risultati, anche parziali, dei singoli obiettivi realizzativi.

Al termine della giornata si terrà il consumer test e laboratorio di degustazione di vini base e spumanti sperimentali del progetto a cura dell’Enologo Saladini della Cantina Cooperativa Madonna Delle Grazie Di Torricella.

Si consiglia di non mancare all’appuntamento programmato presso la Cantina Cooperativa Madonna Delle Grazie Di Torricella,

Via Sava, 27, 74020 Torricella (TA) il 6 luglio p.v. (inizio dei lavori ore 10,00 – fine lavori ore 13,20).

Scarica il programma del III seminario 6 luglio 17

Per informazioni

Sinagri SRL – BARI (BA) VIA GIOVANNI AMENDOLA 165/A CAP 70126

DIP. SCIENZE AGROAMBIENTALI

Website: www.sinagri.it

Dott.ssa Giulia Picone E mail: junior@sinagrispinoff.it

 Tel. +39 327 2686174

 

Caratterizzazione e miglioramento delle tecniche di produzione delle materie prime

Caratterizzazione e miglioramento delle tecniche di produzione delle materie prime

L’attività ha previsto la caratterizzazione tecnologica fine delle materie prime degli 11 vitigni in studio ovvero la determinazione delle curve di maturazione, zuccheri, acidi organici, costituenti polifenolici, profilo antocianico; il rilievo delle caratteristiche produttive (fenologia, fertilità, carpometria, produttività, peso del legno di potatura, etc.); al fine della elaborazione ed interpretazione dei risultati per la redazione delle schede tecnologiche-varietali degli 11 vitigni in studio. In ciascuna delle predette fasi c’è stata la piena partecipazione ed il supporto dei tecnici/consulenti, soprattutto con profili di agronomo ed enologo, delle cantine partner. Le attività sono state svolte nei vigneti di proprietà o dei soci delle cantine cooperative partner, del CRSFA Basile Caramia o altri vigneti commerciali. Presso la Cantina Alberto Longo sono stati individuati dei vigneti per i vitigni Uva di Troia e Falanghina; b) Presso la Cantina Cooperativa della Riforma Fondiaria di Ruvo di Puglia, i vitigni Bombino b., Bombino n., Uva di Troia; c) Presso la Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella i vitigni Negroamaro e Primitivo; d) presso il CRSFA Basile Caramia sono stati effettuati i rilievi per i vitigni Bianco d’Alessano, Maresco, Minutolo, Ottavianello, Moscato Reale, Moscatello selvatico, Uva di Troia e Falanghina.

Durante l’estate 2015, in attesa dell’avvio ufficiale delle attività di progetto sono state effettuate preventivamente la scelta ed il monitoraggio della maturazione tecnologica delle uve, prima della raccolta vera e propria per l’ottenimento di vini base idonei alla spumantizzazione, su tutti i vitigni in studio.

Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella

Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella

L’anno 1959 il giorno 29 del mese di Dicembre,  nasce presso la “sala parrocchiale” di Torricella, la “Cantina Cooperativa della Riforma Fondiaria – Società a Responsabilità Limitata”. Nasce per opera di un gruppo di contadini, che comprendendo come ormai l’unico aiuto per la viticoltura della nostra zona fosse l’associazionismo, dettero vita alla Cooperativa che, senza alcuna finalità speculativa, si proponeva:

  • la lavorazione delle uve dei soci;
  • la vendita in comune dei vini prodotti nella cantina sociale, la distribuzione del ricavo e l’assistenza ai soci.

In poco tempo la Cooperativa diventa punto di riferimento degli agricoltori di Torricella, tanto che nel 1969 si procede con la costruzione di un oleificio sociale per poter anche essere dì aiuto agli olivicoltori del nostro territorio.

Nell’anno 1969 la Cooperativa con delibera dell’assemblea dei soci del 23 febbraio la denominazione della società fu cambiata e diventò “Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella” – Soc.  Coop.  a r.l.

Con delibera dell’assemblea dei soci del 2004 il giorno 17 del mese di dicembre, in seguito alla nuova Riforma del Diritto Societario diventa “Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella” – Società Cooperativa Agricola – S.p.A.

Nel corso dei decenni la Cantina è diventata una realtà che conta circa 900 soci con una produzione media di 130.000 q.li di uva e di 15.000 q.li di olive di pregiata qualità, che ci consentono degli ottimi vini e dell’ottimo olio; primo fra tutti sicuramente il “PRIMITIVO”.

Vitigni:

Uve nere: Primitivo, Malvasia nera, Negramaro, Sangiovese, Merlot, Lambrusco, Montepulciano ed altri vitigni.

Uve bianche: Malvasia Bianca, Malvasia del Chianti, Malvasia di Candia, Garganega, Trebbiano.

Ettari  Vitati: Ha  1.000 circa di cui un gran parte ricadenti in comuni limitrofi.

Zona vitata:     

Le Etichette:    

Bottiglie: TERRAGGIO   PRIMITIVO  SALENTO  I.G.T.

                TERRAGGIO   NEGROAMARO   SALENTO I.G.T.

Pet: PRIMITIVO  SALENTO I.G.T.

         ROSATO SALENTO I.G.T.

         BIANCO VINO DA TAVOLA.

Ettari Olivetati: Ha  600  circa  con  diverse  varietà: ogliarole, celline, nociare, leccine, etc.

Zona olivetata:  

Le Etichette:       

Pet: OLIO  EXTRAVERGINE  DI  OLIVA

         OLIO VERGINE DI  OLIVA

Altre notizie: La Cooperativa, sempre attenta anche alle necessità dei consumatori ha esercitato la vendita al dettaglio presso gli stabilimenti vinicolo ed oleario e, dall’estate del  2006,  ha anche aperto un punto vendita a Torre Ovo in Via Delle Sirene, 96.

In evidenza

Benvenuti sul sito del Progetto IProViSP

Innovazioni di processo e di prodotto nel comparto dei vini spumanti da vitigni autoctoni pugliesi

AIUTI A SOSTEGNO DEI CLUSTER TECNOLOGICI REGIONALI PER L’INNOVAZIONE

Codice progetto VJBKVF

L’idea del progetto IProViSP è nata con l’obiettivo di sviluppare nuovi prodotti enologici adattando i metodi per la produzione di spumanti (classico e Charmat) alle caratteristiche di 5 importanti e diffusi vitigni autoctoni (Bombino nero e bianco, Negroamaro, Primitivo, Uva di Troia) e dei 6 più promettenti vitigni autoctoni minori regionali (Bianco d’Alessano, Francavidda, Marchione, Maresco, Minutolo, Ottavianello). Attraverso l’integrazione tra importanti realtà produttive come la Cantina Cooperativa della Riforma Fondiaria di Ruvo di Puglia, la Cantina Cooperativa Madonna delle Grazie di Torricella, la Cantina Agricole Alberto Longo e organismi di ricerca come SINAGRI – Servizi Avanzati per la Sostenibilità e l’Innovazione nelle Aree Agricole e Rurali, Spin Off dell’Università degli Studi di Bari, il Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura “Basile Caramia”, il Consiglio Nazionale Delle Ricerche, Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari, l’Università degli Studi di Foggia-Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente, si darà avvio alla sperimentazione per l’ottenimento di nuovi spumanti, nuovi protocolli di coltivazione e vinificazione idonei ad esaltare le peculiarità dei vitigni autoctoni, strumenti di tracciabilità e strategie aziendali volte a sviluppo, diffusione e affermazione commerciale delle “bollicine” pugliesi. Attraverso la sperimentazione, si dimostrerà l’esistenza delle condizioni pedologiche ed ambientali che definiscono un territorio vocato alla coltivazione di vitigni atti a produrre spumanti e promuovere la trasformazione sul territorio pugliese limitando così la lavorazione conto terzi, effettuata presso gli stabilimenti del nord Italia.